Archive: luglio 24, 2018

Finalmente è iniziata la raccolta delle pesche!

E’ sempre una gioia vedere le nostre pesche crescere sane e gustose.

La pesca bianca è molto delicata rispetto a quella gialla ed è venduta poco al mercato del fresco proprio perché si rovina facilmente. Noi però, vogliamo proprio quella, la Maria Bianca, la pesca perfetta per il nostro Bellini, perciò la coltiviamo in tre diverse zone (prevalentemente a San Donà di Piave) per non rischiare che tutto il raccolto dell’anno rischi di essere rovinato dalla grandine.

Ogni anno, a fine luglio/inizio agosto la raccogliamo a perfetta maturazione perché abbia la massima concentrazione di zuccheri e profumi. Solo così, mescolando poi la purea di pesca allo spumante Brut, possiamo ottenere un Bellini perfetto, senza l’aggiunta di aromi.

Eccoci quindi anche quest’anno, dopo trent’anni esatti dalla nascita del Bellini Canella (era l’agosto del 1988) a raccoglie con tanta cura, a mano, le nostre pesche e come diceva papà Luciano, anche quest’anno sono “il massimo”.

Il restyling del Bellini Fusion!

Ricordate il Bellini Fusion nato alcuni anni fa per i grandi eventi come il Capodanno in Piazza San Marco o la Festa del Redentore a Venezia?

Quest’anno abbiamo fatto un piccolo restyling alla bottiglia scrivendo gli ingredienti anche nell’etichetta di corpo.

Il contenuto non varia: due parti di Spumante Brut e una di pesche bianche come il nostro Bellini “classico”. L’unica cosa che differenzia il Bellini Fusion dalla storica bottiglia in vetro cl 20, nata nel 1988, è solo il contenuto che, in questo caso, è di cl 25.

La bottiglia è in alluminio completamente riciclabile ed è infrangibile, perciò è perfetta per grandi eventi come concerti e feste in spiaggia o per le vostre magiche vacanze in barca.